Categorie
News

VICINO CONVIENE

Baldi: “Le attività di vicinato sono servizi essenziali e vanno sostenute. Aderiamo alla campagna della Regione Toscana”

Confartigianato Imprese Toscana aderisce alla campagna promozionale lanciata dalla Regione Toscana “Vicino Conviene”, a sostegno delle attività di vicinato. La campagna  ha l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini a sostenere gli esercizi commerciali e le botteghe artigiane del territorio, tutte realtà duramente colpite dalla crisi ma che meglio di altre esprimono i valori, la cultura e le tradizioni. “Le attività di vicinato sono presidi sociali e  svolgono davvero servizi essenziali – spiega Maurizio Baldi, rappresentante della consulta delle categorie economiche delle imprese associate a Confartigianato Imprese Toscana – sia nei territori meno popolati, dove non sono presenti ad esempio la media e la grande distribuzione, sia nelle grandi città perché sono vicine alle persone e ne comprendono i bisogni e le esigenze.  Pensiamo a chi cerca la qualità dei prodotti o dei servizi – prosegue – e si rivolge al negoziante o dell’artigiano di fiducia, a chi si fa consegnare la spesa o fare la riparazione a casa. Durante la pandemia, con le limitazioni agli spostamenti, le attività di vicinato sono state davvero essenziali. Purtroppo però molte piccole attività artigianali e del commercio tradizionale – sottolinea Baldi – hanno subito cali di fatturato dovuti alle limitazioni alle aperture e hanno dovuto sostenere costi rilevanti per adeguare i locali alle norme anti Covid.  Il protrarsi dello stato di emergenza causerà loro ulteriori difficoltà”. Continua poi l’esponente di Confartigianato Toscana: “Aderire ad una campagna collettiva come quella lanciata dalla Regione è una opportunità importante di promozione per gli artigiani che possono anche ampliare la propria rete di relazioni e creare collaborazioni con altri artigiani e altre attività per aumentare le proprie conoscenze e migliorare la qualità dei propri servizi o prodotti o crearne di nuovi”, conclude.

PRESSO I NOSTRI UFFICI SONO PRESENTI VOLANTINI E VETROFANIE DA ESPORRE 

 

Categorie
News

MODIFICA ORARIO per i mesi di Luglio e Agosto

Con l’avvicinarsi del periodo estivo  durante i mesi di LUGLIO E AGOSTO la sede provinciale di Siena e tutti gli uffici periferici osserveranno i seguenti giorni di chiusura:

 

                                                                          Mattino                                 Pomeriggio

VENERDI       23 LUGLIO                               CHIUSO                           CHIUSO

VENERDI       30 LUGLIO                               CHIUSO                           CHIUSO

VENERDI       06 AGOSTO                             CHIUSO                           CHIUSO

VENERDI       13 AGOSTO                             CHIUSO                           CHIUSO

VENERDI       20 AGOSTO                             CHIUSO                           CHIUSO

VENERDI       27 AGOSTO                             CHIUSO                           CHIUSO

                                                                                                                                                                                                         Vice-Segretario

                                                                                                                                                                                                        Gabriele Carapelli

 

Categorie
News

Pubblicazione degli aiuti Covid sul sito internet c’è tempo fino al 1° gennaio 2022

Con il “decreto Riaperture”, D.L. 22 aprile 2021, n. 52, nel corso del percorso di conversione del decreto in legge, ha posticipato l’obbligo di indicazione in nota integrativa, o di pubblicazione su proprio sito internet, oppure – se sprovvisti – sui portali delle associazioni di categoria, delle informazioni relative ai contributi o sussidi statali ricevuti nell’anno precedente.


Tale obbligo, previsto dall’articolo 1, commi 125 e seguenti della Legge 124/2017, come modificato dall’articolo 35 del decreto “Crescita”, decreto-legge 34/2019, prevede che:

  • Le imprese che esercitano attività commerciali di cui all’art. 2195 c.c. (sono quindi esclusi i liberi professionisti), nonché le ONLUS, le fondazioni e talune cooperative sociali;
  • Sono tenute ordinariamente entro il termine del 30 giugno;
  • All’indicazione in nota integrativa (bilancio ordinario) oppure alla pubblicazione sul proprio sito internet ed in mancanza sul sito delle associazioni di categoria;
  • Delle informazioni relative a sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura, non aventi natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria, effettivamente erogati alle imprese stesse dalle pubbliche amministrazioni nell’anno precedente, se di importo superiore a 10mila euro nel periodo interessato.


In caso di mancato adempimento, ai sensi dell’articolo 1 comma 125-ter della L. 124/2017 sono previste sanzioni pesanti così definite:

  • Sanzione peri all’1% degli importi ricevuti, con un minimo di 2.000 euro, nonché sanzione accessoria dell’adempimento agli obblighi di pubblicazione;
  • Decorsi 90 giorni dalla contestazione senza che il trasgressore abbia ottemperato agli obblighi di pubblicazione e al pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria, si applica la sanzione della restituzione integrale del beneficio ai soggetti eroganti.


E’ doveroso dare evidenza alla novità introdotta con il D.L. 52/2021: l’articolo 11-sexiesdecies che dispone una proroga delle disposizioni di cui all’articolo 1, comma 125-ter, della legge 4 agosto 2017, n. 124, ovvero interviene sull’aspetto sanzionatorio, prevedendo che per l’anno 2021 il termine ultimo di pubblicazione è prorogato al 1° gennaio 2022.

Di conseguenza, gli obblighi di pubblicazione degli importi e delle informazioni relative ai contributi, sovvenzioni, aiuti ricevuti nel periodo 1° gennaio 2020 – 31 dicembre 2020 potrà essere adempiuto entro il 1° gennaio 2022, invece che entro il 30 giugno 2021.

Si invita, le aziende a tenere traccia   dei contributi erogati nell’anno 2020 e, se l’azienda è interessata al servizio di pubblicità nel nostro sito, deve inviare una mail all’indirizzo gabriele.carapelli@confartigianatosenese.it  riportando nell’oggetto: “pubblicazione aiuti di stato” con il riepilogo delle sovvenzioni, per la corretta pubblicazione sul sito dei contributi ricevuti dalla ditta in oggetto  occorrono i seguenti dati: 

3 . Entrare nel singolo Dettaglio, per ottenere i dati ai fini della corretta compilazione della tabella che segue.

Nominativo della ditta

Dati richiesti

Riferimento Registro Aiuti di Stato

Soggetto erogante

“Autorità concedente”

Importo del contributo ricevuto

“Elemento di aiuto”

Data di incasso

“Data concessione”

Causale

“Titolo Misura”

Devono essere prodotte tante tabelle quanti sono contributi/sovvenzioni INCASSATI nel corso del 2020anche se con data concessione anteriore al 2020.

È necessario infatti che gli importi siano esposti secondo il criterio di CASSA.

Il servizio è rivolto a tutti gli associati – nel caso  aziende non socie fossero interessate al servizio  possono contattare il n. telefonico 0577/282252 e chiedere di Gabriele Carapelli.

Categorie
News

Laura Simoncini è la nuova Segretaria Regionale di Confartigianato Imprese Toscana

Per la prima volta una donna assume l’incarico della Segreteria Regionale della Federazione
Ufficializzata ieri dal Presidente di Confartigianato Imprese Toscana Luca Giusti la nomina di Laura Simoncini a Segretaria Regionale al posto del dimissionario Marco Pieragnoli.

Laura Simoncini, nata ad Empoli ma residente da tanti anni a Prato, proviene da una famiglia di imprenditori artigiani della metalmeccanica. Laureata in Economia e Commercio, dal 1994 ha maturato una importante esperienza all’interno di Confartigianato Imprese Toscana dove ha rivestito nel tempo incarichi in molteplici settori come il credito, la promozione-export, l’artigianato artistico, il movimento Confartigianato Donne Imprese e tanti altri fino ad assumere l’incarico di Coordinatore della Segreteria regionale contemporaneamente alla Direzione Generale dell’Agenzia Formativa  Cedit.  “Non posso che ringraziare le Associazioni Territoriali aderenti a Confartigianato per la fiducia che mi hanno dimostrato affidandomi la Segreteria della Federazione – dichiara la neo segretaria – , un incarico che porterò avanti forte della mia lunga esperienza lavorativa in collaborazione con tutto il Sistema Confartigianato. Ci aspettano anni molto complessi  – aggiunge – che da una parte metteranno a dura prova la capacità di resilienza delle imprese, dall’altra accelereranno evoluzioni che, in condizioni normali, avrebbero richiesto molti anni. Si prospettano sfide importanti sia sul versante economico che sociale e, da parte mia, farò il possibile per aiutare  le imprese e le persone che si rivolgono al nostro sistema associativo affidandoci la loro rappresentanza, ad affrontarle al meglio”, conclude Laura Simoncini.

Categorie
News

DL SOSTEGNI BIS – Via libera a pagamenti contributi a fondo perduto a imprese. Ora si proceda rapidamente

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha dato il via libera ai pagamenti direttamente sui conti correnti dei contributi a fondo perduto previsti dal Decreto Sostegni bis (art. 1 del Dl n. 73/2021) a favore di imprese e lavoratori autonomi con partita Iva e fatturati sotto i 10 milioni di euro colpiti dall’emergenza epidemiologica “Covid-19”.
Si tratta di 5,2 miliardi di euro per un totale di 1,77 milioni di bonifici disposti a favore di altrettante Partite IVA.
La liquidità in arrivo era però attesa dalle imprese per metà mese come annunciato qualche settimana fa in audizione dal Ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco che prevedeva i bonifici in partenza per il 16 giugno.

“Bene l’annuncio dell’Agenzia delle Entrate dell’avvio, seppur con ritardo, del pagamento degli aiuti automatici previsti dal decreto Sostegni bis” – commenta il Presidente di Confartigianato Marco Granelli. “Ora però – aggiunge – è necessario procedere con rapidità all’emanazione del Provvedimento del Direttore con cui saranno definite le modalità di invio dell’istanza per i contributi a fondo perduto previsti per le attività stagionali. Le attività della ristorazione, alloggio e tutte quelle della filiera della montagna devono, in tempi brevi, essere messe nella condizioni di ricevere gli aiuti stanziati dal Parlamento”.

Categorie
News

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO DELLA REGIONE TOSCANA A FAVORE DELLE IMPRESE DEL TURISMO

  “Aiuti finalizzati al contenimento e al contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19” “Fondo investimenti Toscana – contributi a fondo perduto a favore della Filiera del Turismo ”
Le domande iniziano oggi  04.06.2021 ore 09.00 e termine ultimo 18.06.2021 ore 17.00
  • Per i taxisti ed ncc copia della licenza da allegare alla domanda

  • per le guide turistiche e guide alpine dichiarazione con il numero di patentino (vedi allegato)

  • possono partecipare al bando anche le imprese ed i professionisti assegnatari sul precedente avviso D.D.15380, ma saranno collocati in graduatoria in posizione posteriore rispetto alle domande presentate da soggetti che non hanno ottenuto nessun contributo a valere sul suddetto bando.

possono presentare domanda i seguenti codici ATECO:

  • 79.1             ATTIVITÀ DELLE AGENZIE DI VIAGGIO E DEI TOUR OPERATOR

  •  79.90.20   Attività delle guide e degli accompagnatori turistici

  •  93.19.92   Attività delle guide alpine

  •  49.32         Trasporto con taxi, noleggio di autovetture con conducente

  •  49.39.09   Altri trasporti terrestri di passeggeri nca

I requisiti di accesso devono essere posseduti alla data di  presentazione della domanda.

Testo integrale del BANDO 

Categorie
News

La TOSCANA resta in ZONA GIALLA

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia del 28 maggio 2021, ha firmato una nuova Ordinanza, che entrerà in vigore da lunedì 31 maggio, che dispone il passaggio delle Regioni Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna in area bianca.

Tutte le altre Regioni e Province Autonome permangono in area gialla. Compresa la Toscana, quindi, che ha chiuso l’ultima settimana con un’incidenza di 59 casi ogni 100 mila abitantIper entrare in zona bianca, quella con minori limitazioni, bisogna restare per tre settimane consecutive sotto l’incidenza di 50 casi settimanali ogni 100 mila abitanti. Dovesse essere confermato il trend discendente attuale, la Toscana potrebbe entrare in zona bianca dal 21 giugno.

Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle diverse aree in base ai livelli di rischio a partire dal 31 maggio 2021 è la seguente:

  • area rossa: (nessuna Regione e Provincia autonoma)

  • area arancione: (nessuna Regione e Provincia autonoma)

  • area gialla: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Provincia autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto

  • area bianca: Friuli Venezia Giulia, Molise, Sardegna